Login Registrati
Tanti i colori del 'Sole Notturno' di Marina Morelli

Tanti i colori del 'Sole Notturno' di Marina Morelli

Martedì 13 presentazione on line della raccolta di poesie di Marina Morelli (diretta facebook @Noidonnegiornale)

Martedi, 06/07/2021 - L’Amore è la fonte che ispira le poesie di Marina Morelli raccolte sotto il titolo ‘Sole notturno’ (Il Leggio). Un amore scandagliato negli anfratti più reconditi ed esplorato nelle pieghe in cui riposano meraviglie e sofferenze in attesa di essere rivelate e ri-velate. Quello che ci regala, magistralmente, l'autrice è la condivisione di un Amore talmente potente da illuminare l'oscurità, lasciandola buia. 

Amore
E se fosse vero che
senti quel che la maggioranza non vede.
E se fosse vero che
sai di non sognare.
E se fosse vero che
sai distinguere l’Uno nell’Infinito:
Amore è con te
e tu sei nella realtà.


È un Amore immanente e sfuggente, accorato e lieto, sofferto e goduto che scandisce l’esistenza dell’autrice nel suo essere donna, madre, amante. In un difficile intreccio talvolta districabile, sempre autentico e vissuto fino in fondo. Con coraggio e determinazione.

INCONSOLABILE 
Non importa dove io sia
nè cosa stia facendo. 
(...)
Non importa quanto grande sia la mia
conoscenza,
nè che io riceva il prezioso dono della sapienza:
il mio dolore resta inconsolabile


La forza delle parole e delle immagini che irrorano i versi di Marina è sorprendente come la lucidità che esprimono di fronte alla immensità del suo dolore e del suo sconfinato amore per Chiara e Arianna, sentimenti avvinghiati inesorabilmente in una realtà irriducibile in cui la poesia apre affacci su possibilità ‘altre’ che, al di là dei sogni, vanno conquistate.

SOLLIEVO
Il sollievo viene dalla commozione
di vedere che io posso renderti felice
su una terra dove tutto lotta,
in un mondo dove tutto accusa, sotto
un cielo così lontano nel tempo da noi.

E la commozione nel cuore traspare
dagli occhi, conforto per la mia anima
tramite d’un angelo sospeso a mezz’aria,
che ora, un po’ da terra mi solleva e
m’avvicina al cielo, avvinta a te.


Si, la lotta per le sue eterne bambine e per tutti coloro che la società dimentica o fa finta di vedere. La lotta in nome della dignità e dei diritti sempre negati. La lotta che è fonte di vita, che consuma energie e le rigenera in un moto continuo che non concede tregua e rifiuta il lusso della resa. Versi delicati e pesantissimi che si fanno orazione civile, divenendo espressione di impegno sociale che parla a chi conosce l'altra dimensione e scuote chi non vuole sapere. 

EGO
Non era vero.
Vi davo importanza e,
lusingati, credevate di volerci bene,
ma Io nutrivo solo la vostra vanità.


Marina è solida e fragile, donna presente a se stessa, nonostante le fatiche di un viaggio sempre controvento. E in solitaria. Nonostante tutto e tutti.

PANORAMI INTERIORI
(...) 
(...) sono
tutta mia senza appartenermi: io sono. 


Non c’è spazio per la disperazione nella vita di Marina, non per l’ipocrisia o, peggio, per le menzogne. La concretezza del quotidiano la reclama continuamente e nella poesia l’innocente via di fuga ma anche la possibilità di soluzioni, indispensabili più che desiderate, per un futuro giusto e da conquistare, ma non per sé, in nome dell'Amore. Del suo per le figlie e dell'essere buono che - ne è certa - incontrerà nel suo cammino. 

LA SPERANZA 
La Speranza è negli occhi di un bambino.
La Speranza è nell'amore
di chi lotta e difende i nostri figli
in un mondo che sa esser disperato
ma nel quale non può non confidare.
La Speranza è un bambino.
La Speranza è credere che,
fra mille cattivi persi nella dispserazione,
troveremo un essere buono
che ancora spera e crede in sé, e in te.
La Speranza è il bambino,
che è in te, e in me.

Le poesie di questa donna straordinaria sono sferzate che fanno bene all'anima e illuminano la mente trascinandoci nel buio lunimoso di spazi angusti e sconfinati dove ha cura dell'Amore. Dobbiamo sapere. Dobbiamo ringraziare Marina Morelli, che ci permette di entrare nelle sue stanze segrete con parole che afferrano il cuore e lo accarezzano dolcemente.

- - - - - - - - 
PRESENTAZIONE DEL LIBRO di MARINA MORELLI
martedì 13 luglio h 18,30
Per seguire la diretta fb collegarsi qui

Dialogano con l’autrice

Tiziana Bartolini
direttora NOIDONNE

Elena Improta

Marco Saverio Loperfido

Sandro Salvagno
Il Leggio libreria editrice

Silvia Vitali


Lascia un Commento

©2019 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.33421 del 23 /09/ 2019 - P.IVA 00878931005
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®