Login Registrati
La Vècia, la Befana di putìn frarés di Liana MEDICI PAGNANELLI - di M.Cristina Nascosi Sandri

La Vècia, la Befana di putìn frarés di Liana MEDICI PAGNANELLI - di M.Cristina Nascosi Sandri

La Vècia dei bimbi ferraresi: una raffinatezza lirica di etno-cultura messa in rima dalla poetessa Liana MEDICI PAGNANELLI

Sabato, 05/01/2019 - Una lirica in lingua dialettale ferrarese di Liana MEDICI PAGNANELLI - la migliore tra le Signore della Scrittura della città di Ferrara, nativa di Copparo - per questo scorcio di inizio d’anno che vede – more solito – l’Epifania portare tutte le feste…via. Un’atmosfera d’antan, per questa bella poesia che riporta, come per incanto, le lettrici ed i lettori più maturi, con essenziale semplicità, ad immergersi in un quadro davvero d'altri tempi, in un mondo che non c’è più, ma che era così vero.
Bisogna leggere con occhi chiusi ‘kubrickianamente’ ben…aperti, il piccolo capolavoro lirico che segue, assaporarne la musicalità dei versi, le vocali che, nella materna lingua dialettale, insistono più sugli accenti acuti che su quelli gravi, quasi ad invitare chi legge, con l’onomatopeia di alcuni vocaboli, a rivivere – ma la vita non è sogno? – il ‘racconto’ delle feste che furono, con tono sommesso, quasi per un salutare e melanconico ripiegamento su sé e non solo da parte dell’Autrice…

LA VÈCIA

Oh, la Vècia col sacón
i l’ha mìssa int un cantón:
a purtàr dólzz e zuglìn
a vién sól Gesù Bambìn!

Che emozzión a la matìna
dal sié ’d Znar, là zó in cusìna,
a palpàr sóta al camìn
se ’l calzzét al jéra pin.

Sììì! La vècia befanóna
anch par cl’an l’éra sta’bòna
e’l calzzét pin cucunà
ad bilìn l’éa innasià:

un bèl póm, du mandarìn,
caramèll, ciculatìn,
guciaró, zzis e turón
e, cmè sémpar, dal carbón…

Al sié’d Znar: giórn incantà
pr’i putìn ad tant ann fa:
tré ssiuchézz, póch cvèi da gnént,
lór par’n an jéra cuntént!





* LA BEFANA
Oh! La Befana col saccone
l’hanno messa in un angolo:
a portare dolci e giochini
viene or solo Gesù Bambino!

Che emozione la mattina
del sei Gennaio, giù, in cucina,
a palpare sotto il camino
se la calza era pienina.

Sììì! La vecchia befanona
anche quell’anno era stata buona
e la calza piena zeppa
con leccornie aveva preparato:

una bella mela, due mandarini,
caramelle, cioccolatini,
castagne secche, arachidi e torrone
e, come sempre, un po' di carbone…

Il sei Gennaio, giorno incantato
per i bimbi di tanti anni fa:
tre sciocchezze, poche cose da nulla,
(ma) loro per un anno ne eran contenti!
* (trad. m.c.n.s.)

Link Esterno

Lascia un Commento

©2017 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.6292 del 7 Settembre 2001 - P.IVA 00906821004
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®