Login Registrati
Venezia 2016: focus sui giovanissimi, tra dramma e leggerezza

Venezia 2016: focus sui giovanissimi, tra dramma e leggerezza

A tutto schermo - Premiato nella sezione Orizzonti il documentario ‘Liberami’ di Federica Di Giacomo

Colla Elisabetta Lunedi, 10/10/2016 - Articolo pubblicato nel mensile NoiDonne di Ottobre 2016

Anche se i lungometraggi italiani non hanno ottenuto i più importanti riconoscimenti ufficiali al 73° Festival di Venezia, pure si tratta di opere che, in molti casi, toccano argomenti interessanti e di ‘genere’, come il film di Giuseppe Piccioni, Questi giorni, che ha per protagoniste quattro amiche ventenni, inseparabili nella vita quotidiana così come nella decisione di partire per un improbabile viaggio verso Belgrado, a metà fra l’avventura spensierata ed il racconto di formazione: giovani e capaci di piangere e ridere al tempo stesso dei propri problemi, le ragazze non possono non conquistare il pubblico con la loro freschezza e spontaneità, facendo ricordare a tutte noi ‘come eravamo’ a vent’anni, capaci di passare in un istante dall’entusiasmo alle lacrime. Le brave protagoniste sono Maria Roveran, Marta Gastini, Laura Adriani, Caterina Le Caselle, nel cast anche Margherita Buy.



Altro film presentato al Lido sul tema dei giovanissimi e della loro ‘leggerezza’, bella e talvolta pericolosa, è Piuma, del regista Roan Johnson (italiano di padre londinese), che racconta la storia di due diciottenni come tanti, Ferro (Luigi Fedele) piuttosto ribelle e Cate (Blu Yoshimi) più assennata, alle prese con una gravidanza inattesa e con le reazioni diverse delle loro famiglie, mentre incombono gli esami di maturità e nuove responsabilità che terrorizzano ed emozionano. Da non dimenticare due film presentati a Venezia in sezioni diverse dal concorso, Le ultime cose (31° Settimana Internazionale della Critica), intensa opera prima, scritta e diretta da Irene Dionisio, brava regista trentenne torinese, che racconta le storie di tre personaggi molto diversi - una giovane trans, un ragazzo neo assunto ed un pensionato pieno di debiti - le cui vite, come quelle di molti altri, ruotano intorno al banco dei pegni dove una moltitudine umana impegna i propri averi, in attesa del riscatto o dell’asta finale.

Ispirato ad una storia vera, colpisce anche il film La ragazza del mondo (Giornate degli Autori), bell’esordio al lungometraggio del regista Marco Danieli (i due protagonisti si sono aggiudicati il Premio Pasinetti), che descrive il mondo dei Testimoni di Geova, attraverso la giovane protagonista Giulia (Sara Serraiocco) che è costretta a sacrificare il suo brillante talento matematico per lavorare nell’azienda di famiglia ed avere il tempo di fare proselitismo porta a porta e predicare, fra l’altro, come sia “giusto che la donna sia sottomessa all'uomo": l’incontro con Libero (Michele Riondino), ex detenuto, e con l’amore, le renderanno la libertà ma al prezzo di un’umiliante ‘processo’ con espulsione dalla Congregazione e dalla famiglia. Il primo premio della sezione Orizzonti se lo è aggiudicato con orgoglio la regista spezzina Federica Di Giacomo, con un documentario, Liberami (prodotto da Mir Cinematografica con Rai Cinema) la cui originalità e stile narrativo hanno colpito la Giuria presieduta da Robert Guediguian: il tema è l’esorcismo in Sicilia, le possessioni dilaganti e la risposta della Chiesa che organizza corsi di formazione per aspiranti esorcisti, a cura di esperti come Padre Cataldo, il cui ‘lavoro’ instancabile è ripreso dal vivo dalla Di Giacomo fra messe di liberazione, pratiche antiche, religione e modernità.

La Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile è andata quest’anno all’attrice statunitense Emma Stone, per il ruolo di protagonista nel film musicale La La Land di Damien Chazelle, distribuito in Italia da Rai Cinema con Leone Film Group.

Grazie alla preziosa Rassegna “I film di Venezia e Locarno a Roma”, con il contributo dell’Assessorato alla Crescita Culturale di Roma Capitale, della D.G.Cinema del MIBACT e della Fondazione Cinema per Roma, è stato possibile vedere nelle sale romane, prima della loro distribuzione, una selezione di film dei due Festival.





Lascia un Commento

©2017 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.6292 del 7 Settembre 2001 - P.IVA 00906821004
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®