Login Registrati
Un omaggio alla memoria di Mirella Scriboni

Un omaggio alla memoria di Mirella Scriboni

Mirella Scriboni, socia attiva alla Casa della donna di Pisa, ha finito, poco prima di morire, "Mia stimatissima figlia Virginia....". E' un omaggio alla sua memoria

Domenica, 08/04/2018 - Mirella Scriboni
"Mia stimatissima figlia Virginia"
Storia della famiglia Pollo fra Torre del Greco e Tobruk (1911-1943)
Pisa, 2017,stampato per conto dell' Autrice

-La notte del proprio funerale la madre si aggira inquieta per la casa, seguita da una scia di vento che faceva sbattere la finestra. pag.7
-Nel frattempo se ne sono andati tutti. La madre, sua sorella piccola, l'amata cugina bionda, zio Diego.....
E a quanto pare ora anche la cugina bruna ha poco tempo.....pag.36. (La cugina bruna è Mirella stessa).
E alla fine:
-Un caro ringraziamento ai familiari, alle amiche e agli amici che si sono prestati a leggere questo scritto- in particolare Furio e Gabriella-e che mi hanno aiutata in un momento difficile.

" Il momento difficile " di cui parla Mirella, è la sua malattia che l'8 gennaio 2017 l'ha portata alla morte.
Questo libro, iniziato da molti anni, è stato messo a punto durante la malattia e finito pochi giorni prima della scomparsa di Mirella.

Tra il funerale della madre Virginia e la consapevolezza della propria morte vicina, si svolge la storia della famiglia della madre nata a Torre del Greco nel 1915 e vissuta a Tobruk sino al 1940.
Ed è anche la biografia di Mirella che, oltre che ricomporre il mosaico di date incerte, ci rimanda ricordi di sè : le vacanze a Torre del Greco negli anni '50-'60, il rapporto col padre (niente carezze, sguardi, un calcio dato al gatto, caramelle donate ai suoi ritorni), la madre (mai ringraziata per tutta la forza e il coraggio lasciati in eredità a Lei), e poi gli anni '60, Firenze, Pisa, l'amore.
Si alternano i vissuti in Campania a quelli in Libia come si alternano fotografie e scritti che spesso commentano le foto.
La famiglia Pollo, cognome del nonno materno, è costituita da molte persone, tutte descritte e osservate nella quotidianità.
Mentre la vita pulsa: cibo molto e gustoso, odori di tutti i tipi( corpi sudati, thé, caffè, buganville, gelsomini, ibiscus, salmastro, gelsi, fichi freschi, gite al mare, feste, incontri, lutti..
Accanto scorre la storia: occupazione italiana della Libia (1911), prima guerra mondiale, seconda guerra mondiale.
Allo scoppio della seconda guerra, la famiglia Pollo torna a Torre del Greco, a Tobruk resta il nonno e allora iniziano le sue lettere alla figlia Virginia che vanno sino al 1943.
"La dolcezza di quest'uomo semianalfabeta, dalla scrittura incerta e qua e là illeggibile" dice del nonno, Mirella. Nelle due lettere si parla soprattutto di spese sostenute e di soldi inviati in Italia.
Nel 1946 il nonno torna a Torre del Greco.

Le amiche di Mirella.

Link Esterno

Lascia un Commento

©2017 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.6292 del 7 Settembre 2001 - P.IVA 00906821004
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®