Login Registrati
LAIGA/ A Roma un ospedale assume solo chi applica la 194 - Paola Rosa Adragna

LAIGA/ A Roma un ospedale assume solo chi applica la 194 - Paola Rosa Adragna

Aborto, troppi obiettori. E a Roma un ospedale assume solo chi applica la 194

Lunedi, 16/05/2016 - Riceviamo e volentieri pubblichiamo



Aborto, troppi obiettori. E a Roma un ospedale assume solo chi applica la 194




Per la prima volta in Italia il San Camillo indice un concorso per assumere due dirigenti di Ostetricia e Ginecologia che che siano pronti ad applicare la legge

di PAOLA ROSA ADRAGNA



ROMA - Due nuovi ginecologi non obiettori varcheranno la soglia dell’ospedale San Camillo di Roma. La Regione Lazio ha indetto un concorso specifico per assumere due medici dirigenti di Ostetricia e Ginecologia che applichino la legge 194 sul diritto all’interruzione volontaria di gravidanza e il primo ha già preso servizio. Per la prima volta in Italia un ospedale mette a bando due posizioni "blindate", per tutelare il servizio e garantire alle donne il rispetto del proprio diritto di scelta.



Il caso. “Nel Lazio - spiega il presidente della Regione Nicola Zingaretti - è stata compiuta una vera e propria rivoluzione. Tenendo conto del numero sempre in aumento degli obiettori di coscienza, ma soprattutto per contrastare la piaga dell’aborto clandestino, abbiamo operato in questi anni per garantire alle donne il diritto di interrompere la gravidanza senza nessun pericolo per la loro salute”. Malgrado la legge sia entrata in vigore nel 1978 e sia stata confermata da due referendum popolari, tuttora esistono problematiche nella sua applicazione.



194, il diritto negato: donne e non obiettori

l'altra faccia dell'aborto




I dati. Secondo l'ultimo rapporto del ministero della Salute 7 medici su 10 sono obiettori e l'interruzione volontaria di gravidanza è praticata nel 60% delle strutture. Ma associazioni come Laiga (Libera associazione italiana ginecologi per l'applicazione della legge 194/78) o Vita di Donna denunciano una realtà diversa. La stessa che ha portato il Consiglio d'Europa ad accusare l'Italia di discriminare medici e operatori che non hanno optato per l'obiezione di coscienza.



Per esempio nelle 16 strutture laziali che forniscono il servizio IVG - solo 5 delle quali eseguono anche aborti terapeutici - i medici non obiettori compiono in media 4 interruzioni a settimana a testa, contro una media nazionale dell’1,6. Senza contare che le donne che scelgono di abortire si imbattono in liste d’attesa che vanno dagli 8 ai 20 giorni se l’interruzione è di tipo chirurgico.



La pillola Ru486. L’aborto farmacologico ancora fatica a prendere piede, nonostante l'Organizzazione mondiale della sanità lo indichi come metodo da preferire entro le 9 settimane di gravidanza. A parte il San Camillo, che da gennaio di quest’anno ha effettuato 216 IVG tramite la pillola Ru486, la media nelle altre 8 strutture è di circa 35. “E pensare che in Francia - spiega la dottoressa Giovanna Scassellati, responsabile del Day Hospital-Day Surgery 194 del San Camillo - è un metodo molto diffuso. Il farmaco viene somministrato dal medico di base, sotto la supervisione dell’ospedale”. E i vantaggi sono tanti: per la donna, che non deve sottoporsi a un intervento, e per i medici, che vedono diminuire il flusso di pazienti.



L’assunzione di due nuovi medici non obiettori si inserisce in un quadro di miglioramento delle condizioni di lavoro della categoria, ma soprattutto in un percorso di tutela sempre maggiore della donna e del suo diritto di scelta, sancito dalla 194. "Interrompere una gravidanza è un evento difficile per qualsiasi donna – conclude Zingaretti - e le istituzioni hanno il dovere di garantire la giusta assistenza”.

Lascia un Commento

©2017 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.6292 del 7 Settembre 2001 - P.IVA 00906821004
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®