Login Registrati
La moda per la lotta contro il cancro al seno

La moda per la lotta contro il cancro al seno

A Roma iniziativa-evento della Onlus Progettiamo il Presente, venerdì 24 maggio, presso l’Ospedale S. Spirito in Saxia

Martedi, 21/05/2019 - Tutte le donne che hanno avuto l’esperienza del cancro al seno potranno sfilare con gli abiti dello stilista Gianfranco Venturi per divertirsi e ritrovarsi, perché solo le donne sanno affrontare un male così doloroso restando forti e unite nella lotta per la vita.
Il fine della serata: reperire i fondi da destinare per l’acquisto di apparecchiature tecniche e sostenere progetti medico scientifici.
L’unico interesse dei medici chirurghi che lavorano come Angeli nel reparto di senologia del S. Spirito è aiutare le donne affette da cancro al seno. La loro capacità empatica è accompagnata da una professionalità eccezionale che fanno di tutti, personale paramedico incluso, dei veri missionari. Contrariamente a ciò che la cronaca racconta dei molti casi finiti nel business del privato senza scrupoli, solo chi ha seguito tutta la trafila partita dallo screening può riconoscere la bontà di una struttura pubblica. Le differenze consistono nella tutela della salute della persona. Ciò che manca ancora a molti ospedali pubblici sono alcuni strumenti indispensabili.
Solo per fare un esempio, nel caso di donne con il cancro al seno già diagnosticato, è indispensabile prima di qualsiasi intervento fare una scintigrafia. Questo strumento manca e l’azienda è costretta a caricare le donne ricoverate su vecchie ambulanze in appalto per trasportarle in un altro presidio, magari anche lontano.
Gli strumenti sono essenziali per la prevenzione e per l’eventuale intervento chirurgico o per le necessarie cure.
Eppure ogni governo taglia sempre sulla Sanità e sulla cultura ignorando che tutti prima o poi invecchieremo. La Regione Lazio ultimamente ha investito sulla prevenzione alla lotta contro il cancro regalando alle donne il rispetto che questa problematica merita. Sembra sia necessario investire ancora sui controlli dopo il cancro.
La prevenzione è indispensabile. Prevenire significa garantire una vita dignitosa, spesso una nuova vita, tra l’altro senza gravare sulle spese sanitarie.
Alcuni strumenti sono indispensabili in ogni ospedale pubblico.
Lo stilista Gianfranco Venturi, sensibile a questa problematica, definisce il suo come un progetto del cuore, per far rinascere tra risate, complicità, condivisione e voglia di stare bene le donne che seguono un percorso di riabilitazione dal tumore al seno facendole sfilare con i suoi meravigliosi abiti: “La mia missione, far sfilare le donne per farle rinascere”.
Lo stilista nasce a Parma, negli anni ’80 e collabora con la maison Moschino.
Dopo un pranzo con amici s’innamora della magia del lago di Trevignano e vi si trasferisce iniziando nuovi progetti di abbigliamento, arredamento e organizzazione di eventi. Entra così in contatto con delle donne che avevano avuto un tumore al seno progettando per loro la sua missione del cuore. Iniziano le sue sfilate nelle piazze e negli ospedali italiani per parlare di prevenzione e di senso della vita.
L’ambizione del messaggio è chiara: far capire che si può essere felici, belle e serene - e soprattutto donne - anche durante e dopo la malattia. Un modo nuovo di fare anche prevenzione!
In questo impegno si colloca anche l'iniziativa di venerdì 24 maggio, che si tiene a Roma presso l’Ospedale S. Spirito in Saxia (Cortile dei Frati, ore 21:00), e che è aperta al pubblico. L'invito è a partecipare numerose affinchè le donne impegnate nella lotta al cancro sentano la vicinanza di altre donne.



Lascia un Commento

©2017 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.6292 del 7 Settembre 2001 - P.IVA 00906821004
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®