Login Registrati
Detenzione delle donne: il 21 febbraio ne parliamo con chi il carcere lo conosce

Detenzione delle donne: il 21 febbraio ne parliamo con chi il carcere lo conosce

Mercoledì 21 febbraio (Casa Internazionale Donne Roma) incontro con autrici e curatrici di 'A mano libera' e con educatrici di Rebibbia

Giovedi, 15/02/2018 - A mano libera. Donne tra prigioni e libertà
a cura di Tiziana Bartolini e Paola Ortensi
presentazione
Casa Internazionale delle Donne (Sala Lonzi)
mercoledì 21 febbraio ore 17,00 – 19,00


Tiziana Bartolini introduce
Agnese Malatesta conduce

intervengono:
Una delle autrici di Rebibbia
Eugenia Fiorillo, educatrice
Cristina Dimitri, educatrice
Paola Ortensi, curatrice

Della detenzione femminile con le sue specificità si parla poco. Un incontro con chi il carcere lo conosce e lo vive direttamente aiuta a comprenderne le complessità.

La pubblicazione raccoglie i testi scritti dalle detenute durante i laboratori settimanali tenuti nella Casa circondariale femminile di Rebibbia dalle due curatrici sul tema libertà e prigioni. “Al di là delle differenze tra storie e destini tanto diversi, pensiamo che l’essere donne ci accomuni molto più di quanto si immagini - spiegano le curatrici -. Riteniamo utile, per tutte, conoscere sentimenti e riflessioni che difficilmente valicano muri e sbarre. Questa pubblicazione è un’occasione”.

Come osserva la direttrice del carcere Ida Del Grosso, nell’intervista pubblicata nel libro, a causare i reati tra le donne c’è spesso la dipendenza da una relazione affettiva violenta o comunque non paritaria. Ecco, quindi, che la consonanza tra sconosciute e l’incontro con la storia delle conquiste delle donne può offrire qualche spunto di riflessione, ulteriore strumento utile a decodificare percorsi di vita difficili e dolorosi. Perché anche il carcere è un’istituzione costruita su un unico modello, quello maschile, che poco o nulla considera le diversità di genere. La raccolta, infatti, contiene anche altri testi, in una sorta di dialogo a distanza tra donne (detenute e no) sulle prigioni che limitano o condizionano corpi e desideri.

- - - - - - -

Note
‘A mano libera’ è un laboratorio settimanale (da novembre a giugno) che si tiene da quattro anni nel carcere femminile di Rebibbia; è un’iniziativa di volontariato che NOIDONNE e l’associazione Noidonne TrePuntoZero propongono alla Direzione e alle detenute come spazio libero di incontro tra donne dedicato alla ricerca condivisa dei possibili sguardi di genere sui fatti del giorno e sui temi di attualità.

Il libro è diffuso in modo autonomo con un contributo suggerito di 10 euro; con il ricavato si sostiene la distribuzione gratuita alle detenute e nelle biblioteche degli istituti di pena, oltre che il sito www.noidonne.org. Per informazioni e copie: redazione@noidonne.org - cell 339 5364627


Lascia un Commento

©2017 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.6292 del 7 Settembre 2001 - P.IVA 00906821004
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®