Login Registrati
Arriva da Siena il pane delle donne

Arriva da Siena il pane delle donne

Per contrastare i sintomi della menopausa, ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, mantenere le difese immunitarie

Sabato, 09/04/2016 -
Da uno studio pilota portato avanti dall’Università di Siena da due ricercatrici, Comasia Ricci, specialista in Scienze dell’Alimentazione del Dipartimento Scienze della Vita e dalla fisiologa del Dipartimento di Medicina, Chirurgia e Neuroscienze, Anna Maria Aloisi e con il supporto dello spinoff universitario “SiNutriWells” e della “Compagnia del pane” si è realizzato, nel 2014, un pane “speciale” per aiutare le donne in menopausa, grazie ai suoi componenti, quali la soia contenente isoflavoni.

Queste sostanze di origine vegetale favoriscono l’attività estrogenica e sono utili a contrastare l’insorgenza di cardiopatie, osteoporosi, vampate di calore, sudorazione notturna ed altri sintomi molto comuni alle donne in menopausa. Inoltre, il consumo giornaliero di soia è collegato ad una scarsa incidenza di casi di tumori al colon, alla mammella e alla prostrata (ottimi quindi anche per la salute dell’uomo più adulto). Come ci spiega la dott.ssa Ricci “Il pane che abbiamo creato ha un alto contenuto di fibre, visto che per un panetto di 250 gr. viene utilizzata farina semi-integrale di tipo “2” a cui viene aggiunta, al posto di altra farina, una quantità di 50 gr. di isoflavoni (fitoestrogeni) contenuti nella soia, la dose giusta quotidiana per contrastare il calo di estrogeni tipico della menopausa. Dalla ricerca scientifica, effettuata su un panel di donne in un lasso di tempo di 4 settimane, abbiamo riscontrato dei benefici generali sull’organismo femminile, sebbene in forma diversa a seconda del soggetto coinvolto. Così, io e la mia collega di ricerca Anna Maria, abbiamo registrato il marchio “Il Pane delle Donne” e, grazie al coinvolgimento di due forni artigianali: il Forno dei fratelli Martini di Montegemoli e quello, dalla metà di febbraio di quest’anno, “Pa.Ri.V” (Panifici Riuniti della Val di Chiana) che è andato a sostituire la “Compagnia del Pane”, riusciamo a coprire l’intero territorio toscano. Il nostro obiettivo è quello di far conoscere il più possibile questo alimento, alla stregua di un integratore alimentare ma, certamente più gustoso sia al palato che alla vista, in quanto richiama ad un elemento naturale nell’uso quotidiano della famiglia italiana, qual è il pane. Sul nostro sito www.ilpanedelledonne.com e relativa pagina facebook sono disponibili tutte le informazioni per i consumatori e contiamo sia, sulla collaborazione dei Forni artigianali per la produzione che, nella grande distribuzione, per farlo arrivare sulle tavole del più grande numero di persone”. Sulla Costa Toscana che va da Livorno a Follonica, opera il Forno di Montegemoli che produce circa 400 pani da mezzo kg. secondo il relativo disciplinare che, come dice Sergio Martini, “viene a trattare un prodotto ad alto contenuto di fibre, altamente digeribile perché composto da lievito madre con farina semi-integrale e cotto a legna. L’aggiunta di soia, poi, ne costituisce la peculiarità. Abbiamo aderito entusiasticamente a questo progetto dell’Università di Siena, in quanto siamo convinti che il benessere psicofisico parta sempre da una corretta alimentazione. “Il pane di Montegemoli” che noi produciamo da anni, ormai, è conosciuto su larga scala, grazie anche all’accordo con la grande distribuzione e siamo contenti del successo riscontrato da parte dei consumatori. Ci auguriamo che anche “il Pane delle Donne” venga sempre più conosciuto ed apprezzato”. Per chi volesse saperne di più su caratteristiche e rivenditori: www.panedimontegemoli.it.



Viola Conti

Lascia un Commento

©2017 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.6292 del 7 Settembre 2001 - P.IVA 00906821004
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®