Login Registrati

NAPOLI / Giornate di riflessione su Rosa Luxemburg

Venerdì 25 gennaio e sabato 2 febbraio presso la Libreria evaluna e l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

VENERDI 25 GENNAIO 2019
h19.30 - Libreria evaluna Piazza Vincenzo Bellini 72 - Napoli

A cent'anni da un sogno - Rosa Luxemburg
Introducono Lia Polcari e Luciana Caporaso
Intervento musicale di Sergio Esposito
Proiezione del film
ROSA LUXEMBURG
regia di Margarethe von Trotta
con: Adelheid Arndt, Jan Biczycki, Karin Bual, Winfried Glatzeder 1986 - (120 Min)

SABATO 2 FEBBRAIO 2019
h11.00 - Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
Palazzo Serra di Cassano Via Monte di Dio 14 Napoli

LA COMUNE vi invita alla Giornata di riflessione su:
Rosa Luxemburg (1871-1919): 100 anni dopo
Lezioni attuali di vita e di impegno
Info: 081 3447895; 3392485595; lacomune.napoli@gmail.com; www.prospettivaedizioni.it; www.lacomuneonline.it
Programma della giornata:
Introduzioni: “Della sua vita”,
Manuela Voto con Antonio Lista
Gruppi di lettura e discussione;
“Una donna straordinaria nell’ordinario universo maschile”.
introducono: Claudia Romanini con Mario Faillaci
“L’importante è essere buoni”.
introducono: Fabio Beltrame con Gabriella De Cicco
“Un’altra idea di socialismo e di rivoluzione”.
introducono: Valentina Martorana con Sergio Esposito
Conclusioni: “L’attualità di Rosa in una prospettiva umanista socialista”.
Claudio Olivieri con Francesca Vitellozzi


















....................................
Il Film
ROSA LUXEMBURG
Un film di Margarethe Von Trotta.
Con Barbara Sukowa, Daniel Olbrychski, Otto Sander, Charles Regnier, Barbara Lass. continua»
Titolo originale Rosa Luxemburg.
Biografico, durata 122 min. - Germania 1986.
Nel gelido carcere di Wronke, nella Germania, Rosa Luxemburg scrive le sue memorie epistolari, dall'infanzia nella zona russa della natia Polonia all'inquieta adolescenza vissuta tra i fermenti e gli scontenti sociali di fine '800, che preparano la rivoluzione dell'ottobre 1917. Già da ragazza ha l'animo volto all'ideale di un socialismo umanitario, in linea col proprio temperamento sensibile e poetico, un socialismo che rasenta l'utopia. Colta, indipendente e decisa, nonostante il delicato sentire, sperimenta presto le carceri zariste per le sue idee e la sua attività rivoluzionaria a fianco di Leo Jogiches, con cui convive. Passata in Germania, si dedica al giornalismo di sinistra, ai viaggi e all'attività politica di opposizione, sempre con Leo Jogiches, dal quale si è separata quanto a convivenza privata, ma di cui condivide in politica idealità e azione. A Berlino entra nella lega antibellica Spartakus, nonostante l'opposta idea degli amici socialdemocratici che si sono schierati per l'intervento, e finisce in carcere. Perduto in guerra il giovane Kostja, cui si era sentimentalmente legata dopo la separazione da Leo, viene liberata alla fine del conflitto, per dedicarsi nuovamente, tenace e irriducibile, alla lotta politica. Finchè, coinvolta per solidarietà - alquanto riluttante perché li ritiene prematuri - nei moti rivoluzionari del 1918, viene assassinata dai militari al potere nel gennaio 1919.

Lascia un Commento

©2017 - NoiDonne - Iscrizione ROC n.6292 del 7 Settembre 2001 - P.IVA 00906821004
Privacy Policy | Creazione Siti Internet WebDimension®